Archivi tag: bambini

LE CELLULE DORMIENTI

“… e poi parleremo anche dello scandalo della scuola bombardata a Gaza in cui sono morti i bambini che ci dormivano”.

“… e la povera Madonna costretta a fare l’inchino davanti alla casa del boss”.

Due notizie: da rai 1 e rai2, rispettivamente.

Nella notizia 2 si intravede un certo trasporto, un coinvolgimento emozionale, la ricerca di empatia per la “povera Madonna”.

Nella notizia 1 si parla di uno “scandalo”, quello di aver ucciso i bambini mentre dormivano che, come sappiamo, non si fa.

Nella notizia 1 si parla della nostra religione e della nostra povera madonna.

Nella notizia 2 si parla di religioni altre, integralismi e cellule dormienti

Vorrei dire a quelli che hanno confezionato i servizi:

È una STATUA della Madonna: Potresti anche metterla a testa in giù e non si accorgerebbe di un cazzo. È solo legno o pietra, povera deghè?

Sono bambini reali: scandalo? Scandalo è Sarkozy che si fa fare un pompa all’Eliseo, quello è uno scandalo. Questo è un omicidio intenzionale di bambini, fatto sapendo di farlo.

È difficile non dire qualche parolaccia, non insultare chi ha concepito, volutamente, questo modo di dare la notizia 2, ma non ne dirò perchè vorrei fosse solo una umile spiegazione di come piccolezze che ascoltiamo ogni giorno, a decine, contribuiscano alla formazione di un pensiero condiviso fornendo le basi, anche solo lessicali, per un atteggiamento giustificatorio del massacro in corso. Sulla notizia 1 non c’è storia e non mi interessa: chi pensa che quel pezzo di pietra sia “la povera madonna” e si dispiace per la costrizione all’obliquità continuerà a farlo qualsiasi cosa succeda, fa parte del suo trolley culturale. È così da millenni e così continuerà ad essere, fa parte delle debolezze umane davanti all’immensità dell’universo e al non sense della vita.
Ma la notizia 2, invece, è reale ed è proprio in questo momento davanti ai nostri occhi: tra un senato e la topa di Laura Pausini.
Inutile dire che se uno dei raudi palestinesi anche solo ferisse un bimbo israeliano sveglio partirebbero immediatamente le portaerei statunitensi verso il Medio Oriente e le basi di Aviano sarebbero subito a disposizione per attacchi mirati tesi a riportare la pace nella zona martoriata dalla guerra.
È uno scandalo uccidere bambini nel sonno, tenetelo a mente.

Scandalo

Annunci

JUST FOR FUN


583
588
602
608
613 ..
fighissimo il mio nuovo contapalestinesi.

Sempre più drammatica la situazione nella Striscia: i morti sono oltre seicento, migliaia i feriti più un centinaio di falsi invalidi.

L’Onu chiede l’immediata fine delle ostilità ma sbaglia indirizzo e la manda a “Tutto sul conflitto israelo-palestinese” beccandosi un quote da Ghiaccio-Nove.

Colpite anche diverse strutturale sanitarie. Soprattutto agopuntori.

Appello di medici senza frontiere: “Siamo sotto tiro, morti anche operatori sanitari”. “State calmi e diteci da quale zona di Napoli chiamate”

Intanto, per protesta, Sara Tommasi si scopa il primo che passa..

Il segretario di Stato Usa è atterrato al Cairo per i colloqui di pace. Purtroppo non c’erano altri voli

“Hamas usa i morti telegenici”, ha rivelato Netanyahu alla Cnn con una pettinatura da urlo.

Israele: “Non smetteremo finchè non sarà tornata la calma”. Allora speriamo che Fiamma Nirenstein la finisca di masturbarsi presto.

Decine di premi nobel uniti per chiedere la fine delle violenze, uno fischiettava.

Fiamma-Nirenstein

UNA GIORNATA COME ALTRE

Primo risveglio per la famiglia Franzoni di nuovo riunita. Una rapida conta e poi la colazione.

 

Pranzo al ristorante per festeggiare il lieto evento.
– “Franzoni, abbiamo prenotato un tavolo per quattro”.
– “Ci siete tutti?”

 

Pomeriggio di relax al luna park, tutti sulle montagne russe.
– “Signora, metto le cinture anche ai ragazzi o gli lascio una via di fuga?”

 

Serata si shopping al centro commerciale, c’è l’offerta “Compri per 5 paghi 4”.

 

Veloce giro dai parenti. Magari qualcuno apre.

 

Tutti finalmente a letto nella famiglia Franzoni finalmente riunita.
Saluto di rito: “Domani colazione alle 8, chi c’è c’è”.